Mentre il Belgio distrugge 6 milioni di vaccini inutilizzabili, Antony Fauci annuncia il richiamo vaccinale ad ottobre

Antony Fauci, immunologo

Il Belgio distrugge milioni di vaccini inutilizzabili e Fauci annuncia il richiamo dei vaccini

Il Belgio distrugge 6 milioni di dosi di vaccini anti-covid inutilizzabili. Uno dei primi a commentare questa notizia è stato Matteo Bassetti, il famoso immunologo genovese.

Matteo Bassetti, direttore malattie infettive policlinico San Marino di Genova
Scomparso dagli schermi dopo l’ubriacatura televisiva della pandemia da Covid, l’ex-virostar Matteo Bassetti che ha tenuto banco a reti unificate discettando di tutto, sente la necessità di tornare a provocare chi ha scelto di non vaccinarsi proponendo che sia addebitati a queste persone il costo dei vaccini che molti paesi stanno gettando via.

Il Belgio distruggerà 6 milioni di fiale di vaccini Covid perché ormai inutilizzabili. Bisogna mandare il conto dei soldi pubblici sprecati a quei dementi dei no-vax e dei loro manipolatori, che hanno passato – li insulta Bassetti – gli ultimi due anni, terrorizzando la gente, inventandosi gli eventi avversi e le morti improvvise da vaccino”.

“Toccandogli il portafoglio, magari impareranno a non mistificare la realtà”, scrive su Twitter il direttore Malattie infettive del policlinico San Martino di Genova.

Una sparata che raccoglie insulti a pioggia su Twitter contro Bassetti non nuovo a queste provocazioni gratuite tanto da costringerlo a chiudere il tweet ai commenti: “arrogante”, “maleducato”, “propagandista” scrivono gli utenti. (Secolo d’Italia)

E mentre i vaccini inutilizzabili vengono distrutti Fauci annuncia che il virus esiste ancora

Oggi la situazione della pandemia di Covid 19 è molto molto migliore di quanto non fosse due anni fa ma il virus non è scomparso, non l’abbiamo eradicato e non lo abbiamo eliminato”: lo ha dichiarato oggi l’immunologo Anthony Fauci, a margine della sua conferenza a Roma, presso l’Accademia dei Lincei.

Il virus SarsCov2 “è ancora qui e la gente continua a contagiarsi. Alcuni sono molto vulnerabili, ma abbiamo un controllo molto molto migliore” e “non dobbiamo dimenticare di fare il richiamo del vaccino a settembre-ottobre”, anche nella formula combinata contro Covid19 e influenza.

Non è finita finché non è finita”, ha detto Fauci in seguito, nella sua conferenza dedicata a quanto la pandemia di Covid 19 ci ha insegnato.
Per poter dire che una pandemia si è conclusa, ha aggiunto l’immunologo, “occorre che la sua causa sia eliminata ed eradicata”, vale a dire che il numero di casi sia ridotto a zero.

Questo – ha aggiunto l’immunologo – è già accaduto con altre malattie, come il vaiolo: Si è giunti a un punto in cui non c’erano più serbatoi animali, il fenotipo del virus era stabile”, ossia il patrimonio genetico non subiva mutazioni e non comparivano nuove varianti, e inoltre “c’era stata una campagna globale di vaccinazioni e il vaccino era in grado di dare un’immunità duratura, anche di decenni”.

La pandemia non è finita

“Non è questo il caso della pandemia di Covid”- ha aggiunto Fauci. “Il virus SarsCov2 potrebbe infatti avere ancora sei serbatoi animali che potrebbero alimentarne la diffusione, inoltre continuano a comparire continuamente nuove varianti, non c’è un’accettazione del vaccino a livello globale e il vaccino è in grado di offrire una durata limitata dell’immunità”.(Imola Oggi)

In conclusione, le dosi inutilizzate vengono distrutte, quindi vuol dire che non tutti hanno voluto fare i richiami. Bassetti si lamenta per lo spreco e vorrebbe far pagare le spese ai no-vax. Fauci però ci mette in guardia perchè il virus non è stato debellato (nonostante le vaccinazioni di massa). Per cui invita caldamente a ripetere i richiami ad ottobre, anche se questi non impediscono la diffusione del virus….

Pare che la situazione non sia così chiara…. A ottobre vedremo quanti vaccini non saranno sprecati e quali saranno i risultati di questo ennesimo richiamo. Restiamo, come sempre, in vigile attesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *